Buon Natale a chi non è indifferente!

Buon Natale a chi non è indifferente!

I droni armati stanno trasformando l’arte bellica contemporanea  e abbiamo il dovere etico e morale di denunciare che uccidono.  L’Italia grazie all’impegno e la denuncia di Gino Strada ha smantellato la sua industria di mine, purtroppo tardi, perchè sono sparse in ogni parte del pianeta, compresi i territori liberati dai saharawi, nelle vicinanze di quel muro costruito dal Regno del Marocco per difendersi da 200mila persone di cui oltre la metà sono donne, bambini e adolescenti. Una Monarchia che  sta oscurando la giusta battaglia dei saharawi per l’ottenimento del referendum per l’autodeterminazione che lo stanno attendendo dal 1991 e che discrimina i saharawi residenti nei territori occupati illegalmente, ne sfrutta le risorse e mette a tacere il dissenso dei suoi stessi cittadini, imprigiona giornalisti e difensori dei diritti umani e in questi giorni, ha utilizzato i droni armati contro due civili algerini e un giovane di 15 anni saharawi.

Dobbiamo chiederci se queste armi sono lecite, nessuna arma lo è per noi, ma  le “macchine”  che colpiscono e uccidono sono consentite dalle norme internazionali che proteggono i diritti umani?  

Gino Strada ci ha lasciato nel 2021,noi nell’augurarvi Buon Natale vogliamo onorarne la memoria e porre all’attenzione di chi ci seguedi chi è nostro sociodi chi ancora si indigna che i droni assassini sono le mine contemporanee e dobbiamo fermarne la produzione e la distribuzione: per i bambini afghani, siriani, palestinesi e saharawi ma anche per chi soldato combatte per la libertà, l’autodeterminazione, l’equità  rischiando la sua vita contro un pezzo di metallo, fili e piombo. 
Buon Natale a chi non è indifferente!